Le anomalie dell’andatura nel cane e nel gatto: la semeiotica più efficace

Il movente di un’anomalia a carico degli arti toracici è spesso di natura ortopedica, ma può anche dipendere da malattie neurologiche.

Pubblicato il
, diSilvano Marini

Un articolo pubblicato sulla rivista Veterinary Clinics of North America: Small Animal Practice suggerisce di condurre contestualmente sia l’esame ortopedico sia la valutazione neurologica e fornisce una serie di consigli pratici

La comparsa di un problema nell’andatura del cane o del gatto rappresenta una causa tanto frequente quanto insidiosa di consulto nel setting veterinario. Il movente di un’anomalia a carico degli arti toracici è spesso di natura ortopedica e in genere è da ascrivere a  problemi riguardanti l’articolazione del gomito, ma può anche dipendere da malattie neurologiche, che vanno diagnosticate tempestivamente. Negli animali più anziani, tra l’altro, le due cause possono coesistere. Un articolo pubblicato da due specialiste statunitensi sulla rivista Veterinary Clinics of North America: Small Animal Practice suggerisce, quindi, di condurre contestualmente sia l’esame ortopedico sia la valutazione neurologica. Il lavoro, in pratica, ripercorre i passaggi di una valutazione semeiotica completa dell’andatura – tutto quanto cioè i veterinari più esperti applicano già nella pratica clinica quotidiana – proponendo una visita complessiva di carattere sia ortopedico sia neurologico e fornendo una serie di consigli pratici.

Dal colloquio con il proprietario all’esame dell’andatura

Nell’ordine, prima dell’anamnesi e della valutazione clinica, l’articolo ricorda per esempio di dedicare grande attenzione a quanto riferisce il proprietario dell’animale, in quanto può fornire un iniziale orientamento alla diagnosi: se l’anomalia dell’andatura è per esempio di natura ortopedica, il problema è in genere costante, ma appare più evidente in piena corsa; se  invece è in gioco un movente di natura neurologica il problema può manifestarsi in modo intermittente e apparire evidente anche a velocità contenute o al passo. In quest’ottica possono rivelarsi utili gli eventuali video girati dal proprietario in tempi recenti.

Si passa poi alla valutazione diretta dell’andatura. Il cane va osservato di fronte, da dietro e di fianco, facendolo camminare su una superficie non sdrucciolevole (con il gatto bisogna essere più creativi, magari facendogli inseguire la luce di un puntatore laser). Osservando l’animale in movimento – può essere d’aiuto un breve video girato con lo smartphone e rivisto al rallentatore – bisogna notare se ci sono difetti di flessione o estensione delle articolazioni, differenze di lunghezza e asimmetrie del passo, eventuali circonduzioni di una zampa. I problemi di natura ortopedica determinano l’accorciamento del passo, possono limitare il movimento di un’articolazione e causare lo spostamento del peso sull’arto sano, mentre il classico rumore di trascinamento delle unghie può indicare un problema neurologico. E l’articolo propone una serie di ulteriori esempi per discriminare un problema ortopedico da una malattia neurologica.

La valutazione ortopedica e le prove neurologiche

Si passa poi alla valutazione ortopedica dell’animale in varie posizioni – stazione sulle quattro zampe e decubito laterale – con i relativi suggerimenti sul modo di far emergere eventuali segni di atrofia muscolare, lassità delle articolazioni, versamenti articolari, deficit propriocettivi e quant’altro possa orientare la diagnosi. 

Per la valutazione neurologica, l’articolo suggerisce una serie di prove – esame delle reazioni posturali, riflessi a carico degli arti anteriori, riflesso estensore del carpo, riflesso del bicipite brachiale, riflesso tricipitale, riflesso di retrazione, riflesso pannicolare ed esame dei nervi cranici – fornendo le rispettive indicazioni sul modo in cui vanno condotte e sulle risposte che possono fornire.

I segni neurologici orientano gli approfondimenti

L’articolo statunitense propone, insomma, un set di informazioni pratiche per condurre contestualmente una valutazione di tipo sia ortopedico sia neurologico, che con un po’ di esperienza si può condurre in tempi rapidi anche nei cani più diffidenti e nei gatti. L’intento è essenzialmente di non perdere l’opportunità di diagnosticare precocemente e trattare in modo più efficace un’eventuale patologia neurologica mascherata da sintomi in apparenza ortopedici. Alcune forme in evoluzione iniziale – come per esempio l’ernia del disco intervertebrale cervicale e i disturbi del plesso brachiale – possono infatti apparire come patologie ortopediche e presentarsi senza evidenti anomalie neurologiche. Come viene suggerito nell’articolo, il riscontro di segni neurologici deve orientare prioritariamente in questa direzione gli eventuali approfondimenti di imaging o elettrodiagnostici.

Reference

Sharon C. Kerwin, Amanda R. Taylor, Assessment of Orthopedic Versus Neurologic Causes of Gait Change in Dogs and Cats, Veterinary Clinics of North America: Small Animal Practice, 2021,ISSN 0195-5616,https://doi.org/10.1016/j.cvsm.2020.11.001.

Esplora i contenuti più recenti
24_01_2023_Cambiamenti dietetici repentini quali sono gli effetti sul microbiota intestinale del cane
Cambiamenti dietetici repentini: quali sono gli effetti sul microbiota intestinale del cane?
20_01_2023_Conservare la mobilità del cane promuovendo uno stile di vita sano
Conservare la mobilità del cane promuovendo uno stile di vita sano
17_01_2023_Urolitiasi nel gatto le conseguenze sulla morfologia dell’uretere
Urolitiasi nel gatto: le conseguenze sulla morfologia dell’uretere
Consulta altri contenuti su e
13_01_2023_Retriever ecco come cambia il microbiota intestinale a seconda della forma fisica
Retriever: ecco come cambia il microbiota intestinale a seconda della forma fisica
10_01_2023_Parodontopatie nei Beagle scoperta correlazione con microbiota orale
Parodontopatie nei Beagle: scoperta correlazione con microbiota orale
06_01_2023_Yorkshire terriers con enteropatia cronica da studi su microbiota intestinale possibili nuove terapie
Yorkshire terriers con enteropatia cronica: da studi su microbiota intestinale possibili nuove terapie
27_12_2022_Come varia il microbiota intestinale dei cani a seconda del peso e della razza
Come varia il microbiota intestinale dei cani a seconda del peso e della razza
09_12_2022_Il metaboloma del gatto con insufficienza renale e calcoli urinari di ossalato di calcio
Il metaboloma del gatto con insufficienza renale e calcoli urinari di ossalato di calcio
22_11_2022_Dermatite atopica nei cani effetti positivi di cannabidiolo e acido cannabidiolico
Dermatite atopica nei cani: effetti positivi di cannabidiolo e acido cannabidiolico
02_11_2022_Integrazione orale di vitamina B12 nei cani con enteropatia cronica o insufficienza pancreatica
Integrazione orale di vitamina B12 nei cani con enteropatia cronica o insufficienza pancreatica
04_10_2022_Effetti delle dieta specifiche sulla salute dei cani con malattia renale cronica
Effetti delle dieta specifiche sulla salute dei cani con malattia renale cronica

ACCEDI

Inserisci le tue credenziali