GESTIONE DEL DOLORE ORTOPEDIA

Cavalli: trattamento chiropratico su zoppia e dolore e disfunzione dello scheletro assiale

Uno studio valuta l'efficacia del trattamento chiropratico sulla zoppia cronica e sul concomitante dolore e disfunzione dello scheletro assiale nei cavalli.

Pubblicato il
, diFederico Scorza

La zoppia è una causa comune di scarse prestazioni nei cavalli. L’obiettivo clinico nella gestione dei cavalli affetti da zoppia acuta è localizzare il sito della nocicezione tramite esame clinico e l’uso dell’anestesia locale diagnostica. La zoppia cronica degli arti può indurre interazioni complesse con il collo, la schiena e il bacino nei cavalli affetti, il che può rappresentare un problema clinico impegnativo con opzioni di trattamento conservativo disponibili limitate.

La cura chiropratica è una modalità di trattamento comune utilizzata nella pratica equina per gestire il dolore e la rigidità della schiena, ma ha prove limitate per il trattamento della zoppia.

Uno studio del 2022, coordinato da Mikaela D. Maldonado e da Samantha D. Parkinson, rispettivamente della Facoltà di Medicina Veterinaria e Scienze biomediche della Colorado State University e del Dipartimento di medicina preventiva veterinaria della Ohio State University, aveva l’obiettivo di valutare l’effetto del trattamento chiropratico sulla zoppia cronica e sul concomitante dolore e disfunzione dello scheletro assiale.

Lo stato dell’arte della ricerca

Il dolore che ha origine all’interno di un arto spesso induce un carico alterato dell’arto e modelli di movimento anomali con il potenziale di produrre lesioni da uso eccessivo all’interno dello scheletro assiale.

Nei casi clinici che non presentano zoppia degli arti chiaramente localizzabile, lievi disturbi neurologici (ad es. debolezza, mancanza di impulsi), dolore alla schiena e rigidità o disfunzione sacroiliaca sono stati giudicati fattori che contribuiscono in modo significativo ai modelli di andatura alterati osservati. Nello specifico, il mal di schiena può essere sia causa che conseguenza di zoppia.

Analisi suggeriscono che il 23-32% dei cavalli con zoppia degli arti può avere un concomitante dolore alla schiena e il 68-85% dei cavalli con dolore alla schiena primario può avere una concomitante zoppia degli arti. Vi sono prove crescenti dell’importanza clinica dei meccanismi compensatori e delle interazioni tra le regioni assiale e appendicolare per quanto riguarda il dolore e la zoppia.

La zoppia degli arti viene comunemente trattata attraverso la somministrazione di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), corticosteroidi o terapie biologiche. Tuttavia, esistono limitazioni nella loro somministrazione a causa di potenziali effetti avversi legati all’uso a lungo termine, ai costi e le limitazioni esistenti riguardo le sostanze che migliorano le prestazioni.

L’uso di FANS o iniezioni di corticosteroidi potrebbe non essere sempre efficace o appropriato per la gestione del mal di schiena cronico o dei problemi di zoppia compensatoria. Strategie di gestione efficaci per il dolore cronico e la zoppia spesso richiedono un approccio multimodale che includa il trattamento locale, regionale e sistemico.

La maggior parte dei professionisti del cavallo sportivo hanno accesso ad una vasta gamma di modalità terapeutiche, che spesso includono approcci non farmaceutici per la gestione della zoppia cronica e dei disturbi dello scheletro assiale. La localizzazione della fonte del dolore che contribuisce ai segni di zoppia però non è sempre chiara e potrebbe non essere limitata a un singolo sito o all’interno di un singolo arto

La chiropratica è comunemente usata nella pratica equina come trattamento aggiuntivo per la gestione del mal di schiena cronico e della zoppia. Una revisione sistematica delle tecniche di manipolazione spinale suggerisce un alto livello di efficacia nel ridurre il dolore toracolombare, la rigidità e l’ipertonicità muscolare nei cavalli. Sebbene la cura chiropratica abbia un forte insieme di prove per il trattamento del mal di schiena e della disfunzione equina, ci sono per ora prove limitate del suo effetto sullo scheletro appendicolare e sulla zoppia degli arti associata. È stato riportato che la chiropratica induce effetti cinematici minori nei movimenti degli arti in cavalli sani trattati per il mal di schiena.

Lo studio

L’obiettivo di questo studio era valutare l’efficacia del trattamento chiropratico nel ridurre i segni clinici della zoppia cronica degli arti e concomitante dolore e disfunzione dello scheletro assiale nei cavalli. Si è ipotizzato che il trattamento chiropratico avrebbe influenzato le misurazioni globali della zoppia degli arti e della funzione dello scheletro assiale, indipendentemente dai siti percepiti o dalle fonti di dolore.

Venti cavalli di razza mista utilizzati in un programma di polo collegiale sono stati arruolati nello studio all’inizio della stagione agonistica, sulla base dei criteri di presenza di zoppia di grado 1–3/5 (scala dell’American Association of Equine Practitioners) in almeno un arto anteriore o posteriore. Per ridurre la variabilità nei parametri di risultato osservati nei cavalli da polo, un secondo gruppo di cavalli, che comprendeva diciotto cavalli Quarter che erano attivi nel lavoro montato o agonistico con zoppia primaria degli arti posteriori di grado 1-3/5 localizzato all’interno di almeno un arto posteriore, è stato arruolato nel secondo anno dello studio.

Per valutare la zoppia degli arti anteriori e posteriori è stato utilizzato un sistema di sensori inerziali montati sul corpo ed è stato eseguito un esame dettagliato della colonna vertebrale utilizzando la palpazione digitale per valutare la posizione e la gravità percepita del dolore, della rigidità e dell’ipertonicità dei muscoli epassiali nelle regioni della testa, cervicale, toracolombare e pelvica.

Il trattamento chiropratico consisteva in spinte ad alta velocità e bassa ampiezza, applicate manualmente ai siti di dolore o rigidità percepiti con le articolazioni assiali e appendicolari ed è stato eseguito una volta alla settimana per quattro settimane. Questa frequenza di trattamento ha mostrato effetti positivi in precedenti studi di chiropratica equina.

Nel complesso, ci sono stati effetti positivi del trattamento basati sulla valutazione soggettiva della zoppia, ma nessun effetto misurabile del trattamento su misurazioni oggettive della zoppia degli arti. All’interno dello scheletro assiale sono stati riscontrati effetti significativi del trattamento sul dolore nei cavalli da polo e sulla rigidità nei cavalli Quarter. Non sono state notate differenze significative all’interno del range di movimento attivo (ad esempio, allungamenti innescati) o dei riflessi spinali indotti.

Conclusioni

In conclusione, i risultati dello studio suggeriscono che il trattamento chiropratico ha effetti terapeutici misti sulle misure di zoppia, dolore e disfunzione dello scheletro assiale applicati in questo studio.

Sono stati notati effetti positivi del trattamento nelle misurazioni soggettive della zoppia degli arti posteriori e di tutto il corpo, del dolore e della rigidità della schiena e nei valori MNT nella regione lombosacrale dei cavalli con zoppia primaria degli arti posteriori.

Sebbene il trattamento chiropratico venga tipicamente applicato con l’intento di produrre effetti positivi o benefici, ci sono tuttavia prove che la manipolazione spinale nei cavalli può avere effetti negativi a breve termine (vale a dire, maggior dolore dopo un giorno dal trattamento), o è meno efficace nei cavalli con mal di schiena acuto.

Un approccio globale per indagare la zoppia e i relativi problemi scheletrici assiali durante le attività atletiche sta diventando sempre più una realtà con lo sviluppo di sistemi di sensori inerziali avanzati; tuttavia, l’effetto del dolore al collo e della schiena o della rigidità sul posizionamento inerziale e sui parametri utilizzati per identificare la zoppia degli arti è ancora sconosciuto.

Sono pertanto necessari ulteriori studi per identificare meglio il tipo e la gravità della zoppia degli arti che potrebbe essere correggibile con il trattamento chiropratico.

Reference

Maldonado MD, Parkinson SD, Story MR, Haussler KK. The Effect of Chiropractic Treatment on Limb Lameness and Concurrent Axial Skeleton Pain and Dysfunction in Horses. Animals. 2022; 12(20):2845. https://doi.org/10.3390/ani12202845

Esplora i contenuti più recenti
11_06_2024_La biogeografia dei batteri del colon nei cani con enteropatia infiammatoria cronica new
La biogeografia dei batteri del colon nei cani con enteropatia infiammatoria cronica
come avviene la diagnosi di disbiosi nel cane e nel gatto
Come avviene la diagnosi di disbiosi nel cane e nel gatto
04_06_2024_Gatti studio valuta effetti di dieta idrolizzata e farmaci per vomito o diarrea cronici
Gatti: studio valuta effetti di dieta idrolizzata e farmaci per vomito o diarrea cronici
Consulta altri contenuti su e
14_12_2023_Cavalli trattamento chiropratico su zoppia e dolore e disfunzione dello scheletro assiale
Cavalli: trattamento chiropratico su zoppia e dolore e disfunzione dello scheletro assiale
27_10_2023_Integrazione con olio di krill nel trattamento dell’osteoartrite del cane anziano
Integrazione con olio di krill nel trattamento dell’osteoartrite del cane anziano
22_09_2023_L’importanza di un approccio multimodale nella gestione del dolore
L’importanza di un approccio multimodale nella gestione del dolore
28_07_2023_La gestione dell’osteoartrosi nel gatto
La gestione dell’osteoartrosi nel gatto
20_01_2023_Conservare la mobilità del cane promuovendo uno stile di vita sano
Conservare la mobilità del cane promuovendo uno stile di vita sano
29_12_22_osteoartrosi e acido ialuronico cavallo
Sintesi, degradazione e reticolazione dell'acido ialuronico nell'artrosi equina: formazione di HC-HA mediata da TNF-α-TSG-6
29_11_2022_Compensazione nella distribuzione del peso nel cane affetto da artrosi bilaterale dell’anca
Compensazione nella distribuzione del peso nel cane affetto da artrosi bilaterale dell’anca
13_09_2022_Gli stati d’ansia dei cani possono alterare la misurazione del dolore nel post-operatorio
Gli stati d’ansia dei cani possono alterare la misurazione del dolore nel post-operatorio