COMPORTAMENTO

La location influenza lo stress del cane durante la visita

La presenza del proprietario e la sua interazione con il cane durante la visita veterinaria hanno consentono di ridurre in modo significativo i livelli di stress, l’ansia e i comportamenti di evitamento dell'animale.

Pubblicato il
, diSilvano Marini

Studio dell’Università della Florida sottolinea che i livelli di ansia e stress dell’animale crescono in modo significativo quando la valutazione avviene in un’area comune senza la presenza del proprietario

La presenza del proprietario e la sua interazione con il cane durante la visita veterinaria hanno un effetto tranquillizzante sull’animale e consentono di ridurre in modo significativo i suoi livelli di stress, l’ansia e i comportamenti di evitamento

Tra l’altro, se la paura può rappresentare una reazione acquisita dopo precedenti esperienze negative, nel cane l’effetto stressogeno può essere alimentato anche dall’area in cui ha luogo la valutazione clinica. Sia la sala d’attesa sia la sala visite comune, infatti, possono far crescere nei cani l’ansia percepita, in modo particolare quando sono presenti altri cani. 

Ridurre al minimo i livelli di stress è auspicabile per il benessere comportamentale degli animali da compagnia, per migliorare la soddisfazione dei clienti e per consentire una valutazione più accurata dei segni e dei sintomi clinici. 

Eppure, in molti casi si usa ancora separare il proprietario dal proprio animale per condurre valutazioni più dettagliate o eseguire procedure a minima invasività. 

A ribadire che si tratta di un aspetto che merita attenzione sono i risultati di uno studio pubblicato sul Journal of Small Animal Practice a cura di un gruppo dell’Università della Florida.

Decisive la location e la presenza del proprietario

Il lavoro statunitense – uno studio prospettico randomizzato incrociato – ha arruolato 44 cani adulti afferenti a una clinica veterinaria universitaria per una visita di controllo generale o una visita dentistica. 

Tutti i cani sono stati sottoposti a tre rapide valutazioni consecutive: una visita di base (in presenza del proprietario), seguita da due esami obiettivi identici in una collocazione diversa e in ordine casuale (un’area visite singola in presenza del proprietario o un’area comune senza il proprietario). 

L’obiettivo era di valutare il punteggio cumulativo per paura, ansia e stress sulla base di 5 comportamenti standardizzati e di misurare la frequenza cardiaca (bpm).

Per quanto riguarda l’atteggiamento comportamentale, il punteggio di base era pari a 1 su 5, a indicare assenza di stress o stress leggero, ma lo score è aumentato assieme alla frequenza cardiaca durante la visita condotta nell’area comune senza il proprietario, facendo registrare una crescita di 2,6 punti e di 20 bpm. 

Nell’area comune, inoltre, il 64% dei cani ha presentato un punteggio ≥3 (corrispondente a stress moderato-severo), contro il 43% emerso nel corso dell’esame obiettivo condotto nell’area visite singola in presenza del proprietario. 

L’indicazione pratica proveniente dallo studio

I risultati dello studio sottolineano, dunque, che l’aumento dell’ansia e dello stress si associa significativamente alla visita condotta in un’area comune senza la presenza del proprietario

Per il cane, ricordano gli autori, durante la visita veterinaria i fattori stressanti comprendono l’esposizione a un ambiente ignoto e a persone che non conosce, ma anche la presenza di altri cani. In effetti, quando il luogo in cui si svolge la visita è troppo ricco di stimoli, l’animale può manifestare turbe comportamentali dettate dall’ansia. E tutto questo viene aggravato dalla separazione dal proprietario. 

Nonostante la misurazione e l’interpretazione della risposta degli animali ai fattori stressanti sia oggettivamente problematica a causa delle numerose variabili in gioco, in questo studio la misurazione contestuale dei livelli d’ansia e del ritmo cardiaco ha fatto emergere risultati inequivocabili. 

Se possibile, è quindi sempre meglio effettuare la visita in ambienti a basso stress e alla presenza del proprietario.

Reference

Mandese, W.W., Griffin, F.C., Reynolds, P.S., Blew, A.C., Deriberprey, A.S. and Estrada, A.H. (2020), Stress in client‐owned dogs related to clinical exam location: a randomised crossover trial. J Small Anim Pract.

Esplora i contenuti più recenti
27_03_2024_Diarrea cronica nuove strategie per l’uso razionale degli antibiotici nei cani
Diarrea cronica: nuove strategie per l’uso razionale degli antibiotici nei cani
05_04_2024_La carnitina migliora il recupero post-esercizio nei cavalli adulti
La carnitina migliora il recupero post-esercizio nei cavalli adulti
03_04_2024_Come varia il microbiota intestinale del gatto nel corso del tempo
Come varia il microbiota intestinale del gatto nel corso del tempo?
Consulta altri contenuti su
29_02_2024_Benessere del cavallo, percezione e concettualizzazione degli “addetti ai lavori”
Benessere del cavallo, percezione e concettualizzazione degli “addetti ai lavori”
21_12_2023_Addomesticare un cane il punto di vista della paleogenetica
Addomesticare un cane: il punto di vista della paleogenetica
26_09_2023_Ecco i fattori che condizionano l’appetibilità in cani e gatti
Ecco i fattori che condizionano l’appetibilità in cani e gatti
08_09_2023_Indicatori dello stato di benessere emotivo nella specie equina
Indicatori dello stato di benessere emotivo nella specie equina
22_08_2023_Strategie alimentari per alleviare lo stress nei cani e nei gatti da compagnia
Strategie alimentari per alleviare lo stress nei cani e nei gatti da compagnia
08_08_2023_Analisi del connettoma in cani affetti da ansia
Analisi del connettoma in cani affetti da ansia
04_08_2023_Conseguenze dell'invecchiamento sulla salute dei gatti domestici
Conseguenze dell'invecchiamento sulla salute dei gatti domestici
12_05_2023_L’attività motoria nei cani anziani riduce il rischio di disfunzione cognitiva
L’attività motoria nei cani anziani riduce il rischio di disfunzione cognitiva