COMPORTAMENTO NUTRIZIONE

Ecco i fattori che condizionano l’appetibilità in cani e gatti

Una review neozelandese pubblicata su Animals prende in considerazione il comportamento alimentare e le esigenze nutrizionali di cani e gatti.

Pubblicato il
, diGiulia Pignataro

L’industria del pet food è in rapida crescita, si stanno sperimentando nuove fonti proteiche e metodi di produzione, ma che novità ci sono sull’appetibilità, fondamentale per i nostri sempre più esigenti cani e gatti?

La palatabilità, infatti, è stata identificata come un fattore cruciale per determinare il successo o il fallimento di un prodotto sul mercato e la probabilità di riacquisto. La ricerca però si avvale ancora in gran parte di metodi tradizionali: i test si concentrano sulla quantità di cibo consumato, ma si tiene poco conto del motivo per cui si osservano le differenze e di quali siano gli ingredienti più importanti.

Una review neozelandese apparsa nel marzo di quest’anno su Animals prende in considerazione il comportamento alimentare e le esigenze nutrizionali di cani e gatti, prima di concentrarsi sul modello di selezione della dieta dei gatti. 

Vengono inoltre valutati i diversi formati di alimenti per animali domestici disponibili e gli ingredienti comunemente inclusi in tali  alimenti per poi passare in rassegna i metodi utilizzati per valutare l’appetibilità degli alimenti per animali domestici.

Differenze tra cani e gatti

Sebbene i cani mostrino una maggiore accettazione di un’ampia varietà di alimenti, il loro comportamento alimentare opportunistico e la tendenza a consumare il primo alimento scelto possono rappresentare una sfida quando si cerca di identificare i componenti fondamentali che guidano l’assunzione di cibo. In confronto, i gatti mostrano una maggiore selettività e sono in grado di rilevare piccoli cambiamenti nella composizione degli alimenti.

A lungo termine, i gatti hanno selezionato un’assunzione simile di proteine e grassi indipendentemente dalla combinazione di sapori, suggerendo che il bilanciamento dei macronutrienti è un fattore chiave per la selezione e l’assunzione di cibo a lungo termine nel gatto domestico.

Crocchette vs scatolette

Gli ingredienti contenuti negli alimenti secchi per animali domestici sono più o meno gli stessi per cani e gatti, anche se in quelli per gatti viene data maggiore importanza all’inclusione di proteine e grassi di origine animale. 

Gli alimenti secchi per animali domestici hanno il vantaggio di essere una fonte di energia relativamente economica e utile rispetto a quelli umidi e semi-umidi. Gli alimenti secchi sono anche molto facili da conservare e distribuire; tuttavia, sono spesso meno appetibili degli altri formati di alimenti, soprattutto per i gatti.

Rispetto ai cibi secchi, quelli in scatola sono generalmente più desiderati dai gatti, in quanto riflettono proprietà simili a quelle della carne e contengono anche pochi o nessun cereale o carboidrato.

Test di palatabilità

Il test di gradimento viene utilizzato per determinare l’appetibilità intrinseca di un singolo prodotto, mentre il test di preferenza utilizza la presentazione simultanea di diverse diete (generalmente due o tre) per determinare se una di esse è preferita alle altre in base all’assunzione.

Attualmente, i metodi tradizionali di verifica dell’appetibilità sono utilizzati per valutare l’accettazione e la preferenza di alimenti completi e bilanciati per animali domestici, oltre che per i bocconcini. Tuttavia, fino a poco tempo fa, pochi studi hanno utilizzato questi metodi tradizionali per valutare l’appetibilità di singoli componenti della dieta, in particolare la carne e i suoi sottoprodotti, che sono importanti per il gatto, carnivoro obbligato. È noto che i gatti mostrano differenze di appetibilità per determinati sottoprodotti, tuttavia esistono lacune nelle nostre conoscenze in questo campo.

Reference

Reference: Watson, P.E.; Thomas, D.G.; Bermingham, E.N.; Schreurs, N.M.; Parker, M.E. Drivers of Palatability for Cats and Dogs—What It Means for Pet Food Development. Animals 2023, 13, 1134. https://doi.org/10.3390/ani13071134

Esplora i contenuti più recenti
27_03_2024_Diarrea cronica nuove strategie per l’uso razionale degli antibiotici nei cani
Diarrea cronica: nuove strategie per l’uso razionale degli antibiotici nei cani
05_04_2024_La carnitina migliora il recupero post-esercizio nei cavalli adulti
La carnitina migliora il recupero post-esercizio nei cavalli adulti
03_04_2024_Come varia il microbiota intestinale del gatto nel corso del tempo
Come varia il microbiota intestinale del gatto nel corso del tempo?
Consulta altri contenuti su e
20_03_2024_Dieta per cani con enteropatie croniche quanto “pesa” il fattore costi
Dieta per cani con enteropatie croniche: quanto “pesa” il fattore costi?
29_02_2024_Benessere del cavallo, percezione e concettualizzazione degli “addetti ai lavori”
Benessere del cavallo, percezione e concettualizzazione degli “addetti ai lavori”
16_02_2024_Colite acuta nel cane gestione nutrizionale Vs metronidazolo
Colite acuta nel cane: gestione nutrizionale Vs metronidazolo
26_01_2024_Concentrato di proteine del riso come fonte amminoacidica per gatti adulti
Concentrato di proteine del riso come fonte amminoacidica per gatti adulti
09_01_2024_Saccharomyces cerevisiae probiotico per supportare la funzionalità intestinale dei cani 
Saccharomyces cerevisiae: probiotico per supportare la funzionalità intestinale dei cani 
02_01_2024_Proteoma urinario dei gatti alimentati con dieta ad alto contenuto proteico
Proteoma urinario dei gatti alimentati con dieta ad alto contenuto proteico
21_12_2023_Addomesticare un cane il punto di vista della paleogenetica
Addomesticare un cane: il punto di vista della paleogenetica
12_12_2023_Risposta glicemica e insulinica nei cani sani se il carboidrato fa la differenza
Risposta glicemica e insulinica nei cani sani: se il carboidrato fa la differenza