Conservare la mobilità del cane promuovendo uno stile di vita sano

Un articolo statunitense propone una serie di considerazioni e suggerimenti sul tema della mobilità del cane in base all’età dell’animale.

Pubblicato il
, diSilvano Marini

Intesa come la capacità di muoversi senza limitazioni né dolore, nel cane la mobilità dipende da molteplici fattori come la razza, la struttura fisica, la postura e la forma atletica

Si tratta chiaramente di un fattore in grado di condizionare la qualità della vita e la longevità stessa dell’animale, che in ogni caso appare strettamente legata a uno stile di vita sano

È quindi evidente l’importanza di promuovere l’esercizio fisico più appropriato per ogni età del cane, ma anche di riconoscere tempestivamente eventuali problemi da correggere. 

Firmato da due ricercatrici dell’Università della Pennsylvania a Filadelfia, un articolo pubblicato su The Vetrinary clinics of North America. Small animals practice offre una serie di considerazioni e suggerimenti sul tema, che vengono proposti in base all’età dell’animale.

Osservare attentamente la postura statica e dinamica

Prima di tutto, il lavoro statunitense sottolinea un aspetto che viene troppo spesso sottovalutato suggerendo di osservare sempre con grande attenzione la postura che assume il cane, sia a riposo (seduta, sdraiata, in piedi), sia in movimento (mentre cammina, corre, salta), raccomandando di spiegare al proprietario come riconoscere criticamente eventuali anomalie che possono evidenziare problemi di natura muscolo-scheletrica (come per esempio le deviazioni delle zampe anteriori o la cifosi della colonna). 

La promozione e il monitoraggio di una postura corretta, infatti, possono in molti casi fare la differenza, consentendo di identificare tempestivamente una stenosi spinale o una displasia in un cucciolo o di ridurre il rischio di lesioni articolari in un cane senior. 

Altro aspetto generale – che evidentemente così scontato non è – sul quale l’articolo insiste in più di un’occasione è il mantenimento di un peso appropriato, in quanto il sovrappeso e l’obesità interferiscono inevitabilmente con la mobilità dell’animale e possono aprire la strada a una serie di complicanze sistemiche. 

Fondamentale, in questa chiave, mantenere un corretto rapporto tra massa magra e massa grassa, così come un’adeguata struttura muscolare.

Gli esercizi più congrui e produttivi per ogni età

Dopo un’accurata disamina del tema mobilità, riferito alle varie razze canine e alle specifiche esigenze delle diverse età evolutive dell’animale, con le possibili conseguenze patologiche che si possono manifestare, il duo di autrici passa in rassegna una serie di consigli e raccomandazioni in base all’età del cane, con le scelte più sane per i cuccioli (i più piccoli da 8 settimane a 5 mesi e i più grandi da 5 a 12 mesi), i cani adolescenti (da 1 a 3 anni), quelli adulti (da 4 a 6 anni) e i cani senior (da 7 anni in avanti). 

Per ognuna di questa fasce anagrafiche o di maturazione muscolo-scheletrica, il lavoro propone gli esercizi più congrui e produttivi da eseguire per migliorare e conservare le doti di stabilità, equilibrio, forza e resistenza. L’articolo, inoltre, per alcuni aspetti, comprende anche una serie di rimandi ad ulteriori approfondimenti consultabili sullo stesso numero della rivista.

Un impegno che deve durare per l’intera vita del cane

Il risultato finale del lavoro, in buona sostanza, si può considerare come una sorta di vademecum sulla mobilità del cane, ricco di informazioni e di consigli pratici sul tipo e le modalità dell’esercizio fisico più utile e produttivo per l’animale, che comprende anche precise indicazioni sull’iter diagnostico da seguire per identificare la natura di eventuali problemi età per età

Tutto questo per ribadire che la promozione della mobilità è strettamente legata a uno stile di vita sano ed è un impegno irrinunciabile che deve durare per l’intera vita del cane, favorendone la longevità e migliorando allo stesso tempo il legame affettivo con il proprietario.

Reference

Ramos MT, Otto CM. Canine Mobility Maintenance and Promotion of a Healthy Lifestyle. Vet Clin North Am Small Anim Pract. 2022;52(4):907-924. doi:10.1016/j.cvsm.2022.03.001

Esplora i contenuti più recenti
24_01_2023_Cambiamenti dietetici repentini quali sono gli effetti sul microbiota intestinale del cane
Cambiamenti dietetici repentini: quali sono gli effetti sul microbiota intestinale del cane?
17_01_2023_Urolitiasi nel gatto le conseguenze sulla morfologia dell’uretere
Urolitiasi nel gatto: le conseguenze sulla morfologia dell’uretere
13_01_2023_Retriever ecco come cambia il microbiota intestinale a seconda della forma fisica
Retriever: ecco come cambia il microbiota intestinale a seconda della forma fisica
Consulta altri contenuti su
20_01_2023_Conservare la mobilità del cane promuovendo uno stile di vita sano
Conservare la mobilità del cane promuovendo uno stile di vita sano
29_12_22_osteoartrosi e acido ialuronico cavallo
Sintesi, degradazione e reticolazione dell'acido ialuronico nell'artrosi equina: formazione di HC-HA mediata da TNF-α-TSG-6
29_11_2022_Compensazione nella distribuzione del peso nel cane affetto da artrosi bilaterale dell’anca
Compensazione nella distribuzione del peso nel cane affetto da artrosi bilaterale dell’anca
07_06_22 osteofiti cervicale cavallo
Rimozione chirurgica degli osteofiti intra-articolari dalle articolazioni cervicali
26_05_22_cane-e-gatto-artrosi
Artrosi nei cani e nei gatti: ecco perché l’alimentazione è importante
14_04_22_welsh terrier
La discinesia parossistica riguarda anche i Welsh terrier
Benefici degli acidi grassi omega-3 nel cane affetto da osteoartrosi
Benefici degli acidi grassi omega-3 nel cane affetto da osteoartrosi
l’intera fase diagnostico-terapeutica
La lussazione rotulea mediale nel cane

ACCEDI

Inserisci le tue credenziali