DISTURBI GASTRICI

Reflusso gastroesofageo nel cane, un disturbo sottodiagnosticato

Nei cani con segni clinici di disfunzione esofagea dolorosa, la diagnosi è facilitata dalla biopsia endoscopica e dalla valutazione istologica dell'epitelio esofageo.

Pubblicato il
, diGiulia Pignataro

Nei cani il reflusso gastroesofageo (GERD) provoca infiammazione, rigurgito e dolore, e si verificano le accompagnati dalle caratteristiche complicanze esofagee legate al reflusso, tra cui ulcerazione, stenosi e metaplasia epiteliale. 

Inoltre, possono verificarsi complicazioni respiratorie come laringite, irritazione bronchiale e inalazione del materiale refluito. Il trattamento con farmaci antiacidi può portare alla risoluzione dei segni clinici.

Criteri diagnostici

Fino a poco tempo fa, mancavano criteri diagnostici specifici per il reflusso gastroesofageo nel cane e una diagnosi provvisoria veniva fatta in presenza di segni clinici e reperti endoscopici tipici, dopo esclusione di  altre patologie esofagee o extraesofagee e se il paziente aveva una risposta adeguata al trattamento farmacologico.

Tuttavia, la maggior parte dei cani con segni clinici della malattia esofagea non hanno all’endoscopia evidenti lesioni alla mucosa o altri segni di reflusso gastroesofageo e, a oggi, la miglior prova della presenza di reflusso patologico nel cane sono i risultati della telemetria per valutare l’epitelio squamoso esofageo e reperti istologici considerati caratteristici di GERD, la cui prevalenza e significato clinico sono tuttora incerti.

Allo scopo di descrivere le caratteristiche cliniche della malattia da reflusso gastroesofageo nei cani diagnosticati utilizzando segni clinici, endoscopici e istologici e escludendo altri disturbi esofagei, un gruppo di ricerca tedesco ha valutato totale di 2.225 cani visitati dal gennaio 2012 a dicembre 2014 presso una clinica di riferimento per la medicina interna dei piccoli animali a Colonia . La ricerca ha evidenziato segni clinici attribuibili a malattia esofagea in 20 cani. L’incidenza della malattia da reflusso gastroesofageo, in tre anni, è stata dello 0-9% della popolazione canina di riferimento.

I principali segni clinici erano rigurgito, fastidio o dolore (ciascuno, 20/20 cani) e ptialismo (18/20 cani). 

L’esofagoscopia non ha mostrato lesioni della mucosa (5/20 cani) o lesioni minime (13/20 cani), i dati sono compatibili con quelli riscontrati negli uomini. Mentre, analizzando le biopsie della mucosa esofagea sono state riscontrate alterazioni iperplastiche dello strato cellulare basale (13/20 cani), delle papille stromali (14/20 cani) e dell’intero epitelio (9/20 cani). 

Undici cani hanno ricevuto omeprazolo o pantoprazolo, il rigurgito e lo ptialismo sono migliorati in otto cani e il dolore è diminuito in sei di questi entro tre-sei settimane.

Il reflusso nei cani è sottovalutato 

Secondo i risultati dello studio tedesco, la sindrome da reflusso gastroesofageo canino è un problema clinico più comune di quanto finora sospettato, e sembra essere sottodiagnosticata in medicina veterinaria. Nei cani con segni clinici di disfunzione esofagea dolorosa, la diagnosi è facilitata dalla biopsia endoscopica e dalla valutazione istologica dell’epitelio esofageo.

Reference

Reference: M.Muenster, A. Hoerauf, M. Vieth. Gastro-oesophageal reflux disease in 20 dogs (2012 to 2014). Journal of Small Animal Practice (2017) DOI: 10.1111/jsap.12646

Esplora i contenuti più recenti
07_05_2024_Studio valuta effetto immunostimolante di un mix probiotico in cani sani
Studio valuta effetto immunostimolante di un mix probiotico in cani sani
30_04_2024_Microbiota, body condition score e consistenza delle feci nei gatti che vivono in rifugio
Microbiota, body condition score e consistenza delle feci nei gatti che vivono in rifugio
23_04_2024_Probiotici nel mondo veterinario stato dell'arte e applicazioni cliniche
Probiotici nel mondo veterinario: stato dell'arte e applicazioni cliniche
Consulta altri contenuti su
23_04_2024_Probiotici nel mondo veterinario stato dell'arte e applicazioni cliniche
Probiotici nel mondo veterinario: stato dell'arte e applicazioni cliniche
Enteropatia cronica: cause, sintomi e cure, con Fabio Procoli
Enteropatia cronica: cause, sintomi e cure
27_03_2024_Diarrea cronica nuove strategie per l’uso razionale degli antibiotici nei cani
Diarrea cronica: nuove strategie per l’uso razionale degli antibiotici nei cani
20_03_2024_Dieta per cani con enteropatie croniche quanto “pesa” il fattore costi
Dieta per cani con enteropatie croniche: quanto “pesa” il fattore costi?
28_11_2023_Gatti con disturbi gastrointestinali se proprietari e veterinari sottovalutano la dieta
Gatti con disturbi gastrointestinali: se proprietari e veterinari sottovalutano la dieta
24_10_2023_Stress ossidativo e ulcera gastrica nei cavalli strategie di trasporto e alimentazione
Stress ossidativo e ulcera gastrica nei cavalli: strategie di trasporto e alimentazione
20230824_Sindrome da ulcera gastrica equina efficacia di un estratto di Griffonia Simplicifolia e Olea Europea
Sindrome da ulcera gastrica equina: studio valuta efficacia di un estratto di Griffonia Simplicifolia e Olea Europea
06_06_2023_Il ruolo del microbiota gastrointestinale equino nella patogenesi della malattia gastrica ghiandolare equina
Il ruolo del microbiota gastrointestinale equino nella patogenesi della malattia gastrica ghiandolare equina