MICROBIOTA INTESTINALE DISTURBI GASTRICI

Il ruolo del microbiota gastrointestinale equino nella patogenesi della malattia gastrica ghiandolare equina

Vi sono prove crescenti che i cambiamenti nel microbiota gastrointestinale sono associate a molti processi patologici nel cavallo.

Pubblicato il
, diFederico Scorza

Uno studio coordinato da Sarah J. Voss, David H. McGuinness, William Weir e David G.M. Sutton del College of Medical Veterinary and Life Sciences dell’Università di Glasgow ha indagato il microbiota gastrico ghiandolare dei cavalli in allenamento e identificare se un particolare profilo batterico fosse associato all’EGGD, la malattia gastrica ghiandolare equina.

Un obiettivo secondario della ricerca era valutare se la popolazione batterica della mucosa ghiandolare fosse stabile nel tempo in questi cavalli.

Sebbene i risultati ottenuti, pubblicati sul Journal of Equine Veterinary Science, non forniscano prove della causalità batterica delle lesioni da EGGD, è stata identificata una nuova associazione tra Sarcina e lesioni da EGGD nei cavalli.

Questo è interessante, visto il coinvolgimento di questo batterio nella patologia gastrica in altre specie. Poiché è stata stabilita un’associazione tra il tasso di ritardato svuotamento gastrico e l’abbondanza di Sarcina nell’uomo, si raccomanda di studiare il tasso di svuotamento nei cavalli con e senza lesioni della mucosa ghiandolare. Ulteriori indagini sull’interrelazione tra questi fattori e il microbioma gastrico possono migliorare la comprensione dell’eziopatogenesi dell’EGGD.

Lo stato dell’arte  

La sindrome da ulcerazione gastrica equina (EGUS) è comunemente diagnosticata nei cavalli ed è ulteriormente definita come malattia gastrica squamosa equina (ESGD) o malattia gastrica ghiandolare equina (EGGD) a seconda della posizione anatomica delle lesioni. ESGD e EGGD sono malattie nettamente diverse; la patogenesi, i fattori di rischio e il trattamento dell’ESGD sono ben definiti, ma la patogenesi dell’EGGD e il ruolo del microbiota gastrico sono poco conosciuti e vi è un tasso più elevato di fallimento del trattamento.

Le tecniche di sequenziamento ad alto rendimento sono diventate sempre più utilizzate per studiare il microbiota e l’uso di tecniche indipendenti dalla coltura ha ampliato significativamente le nostre conoscenze. In precedenza, gran parte delle informazioni pubblicate sul microbiota ghiandolare gastrico equino derivavano da studi post mortem e la composizione microbica può differire in modo significativo da quella dei cavalli vivi.

Il ruolo dei patogeni batterici nell’eziopatogenesi dell’EGGD non è stato definitivamente dimostrato. Recentemente, ci sono state alcune prove preliminari per suggerire una disbiosi associata a EGUS senza differenziare tra ESGD e EGGD, e un altro studio ha identificato una lesione associata e una disbiosi gastrica globale associata a EGGD. Entrambi gli studi hanno utilizzato pinze per biopsia transendoscopica per l’acquisizione del campione, che campionano un’area superficiale molto limitata e probabilmente non rappresentativa.

È probabile che la raccolta dei campioni utilizzando spazzole per citologia transendoscopica mitighi ciò, oltre a ridurre al minimo i danni ai tessuti e la contaminazione del DNA, e si è dimostrato superiore negli studi sull’uomo.

Lo studio UK

Lo studio ha compreso cinque cavalli da corsa purosangue provenienti da un’unica scuderia in Scozia, di età compresa tra 2 e 5 anni. I cavalli sono stati portati dall’addestratore per la valutazione gastroscopica a causa delle recenti scarse prestazioni e dell’assenza di qualsiasi segno clinico di localizzazione.

Tutti i cavalli sono stati campionati una prima volta (S1) mentre non erano in allenamento e la procedura è stata ripetuta in tutti e cinque i cavalli dopo altri 6 mesi (S2), dopo che erano tornati in allenamento.

I campioni sono stati raccolti con gli spazzolini, dopo aver raggiunto lo stomaco attraverso il tubo naso-esofageo, limitando il tempo di intervento per minimizzare l’impatto sul benessere del cavallo.

Un totale di 34 campioni è stato inviato per il sequenziamento del DNA dopo i prelievi. Sono stati identificati un totale di 19 phyla batterici e solo una piccola percentuale di letture (0,3%) non è stata assegnata a un particolare phylum. Tre diversi indici di diversità della comunità hanno indicato che non c’era una grande differenza nella diversità tra campioni di mucosa normale e lesione, con una notevole sovrapposizione tra i due gruppi.

Disbiosi intestinale ed EGGD

Questo studio si aggiunge alle attuali conoscenze del microbiota gastrico equino e fornisce prove di disbiosi batterica associata all’EGGD.

Inoltre, questo studio esplora l’uso degli spazzolini per citologia transendoscopica per la raccolta di campioni di mucosa del tratto gastrointestinale equino per il sequenziamento dell’rRNA 16S SSU, una tecnica che si è rivelata utile negli studi sull’uomo. Gli spazzolini per citologia sono utili per campionare aree di mucosa più ampie rispetto alle pinze per biopsia transendoscopica e sono meno invasivi.

Inoltre, i dispositivi rivestiti sono preferiti per ridurre al minimo la contaminazione incrociata e aumentare la precisione del campionamento. Il microbiota mucoso e luminale non sono comparabili, aumentando l’importanza delle tecniche di campionamento mirate quando si studiano le malattie della mucosa.

È stata notata anche una relativa abbondanza di Sarcina (un batterio gram-positivo appartenente al phylum Firmicutes), maggiore nei campioni prelevati da lesioni della mucosa ghiandolare.

La Sarcina è stata identificata anche in campioni di mucosa normale, ma rappresenta solo lo 0,2% del totale, suggerendo che potrebbe far parte del normale microbioma gastrico, con proliferazione eccessiva in determinate condizioni. La Sarcina è risultata essere di crescente importanza negli esseri umani con ritardato svuotamento gastrico ed è stato associato a ulcera ghiandolare ed eritema, gastrite enfisematosa, ulcera gastrica perforata post-chirurgia bariatrica, rottura gastrica e peritonite e trovata coesistente con Helicobacter pylori in due casi di gastrite/duodenite.

La Sarcina è stata riconosciuta con crescente frequenza in campioni istopatologici di esseri umani con malattia gastrica e, sebbene sia considerata improbabile come causa, sembra essere un possibile marker di svuotamento gastrico funzionalmente o strutturalmente ritardato.

Conclusioni

Sono state fornite buone prove preliminari per il coinvolgimento di Sarcina nell’EGGD e sono necessari studi su scala più ampia per comprendere ulteriormente il ruolo potenziale di questo e di altri batteri nella patogenesi dell’EGGD.

La raccolta di un numero maggiore di campioni da ciascun cavallo sarebbe utile; tuttavia questo è limitato dalle implicazioni sul benessere del prolungamento delle procedure diagnostiche come la gastroscopia.

I dati dello studio suggeriscono che diversi cavalli hanno una diversa composizione del microbiota gastrico. Poiché è probabile che il microbiota gastrico sia ampiamente influenzato negli stomaci malati, gli studi futuri dovrebbero cercare di includere i cavalli senza EGUS.

È stata anche identificata la necessità di studi longitudinali sul microbiota e una comprensione della dinamica della popolazione microbica nel tempo aiuterà l’interpretazione dei dati provenienti da studi trasversali, che sono più comunemente eseguiti. Ciò è particolarmente pertinente quando si studia il microbiota gastrointestinale dei cavalli, che comunemente subiscono cambiamenti dietetici stagionali, che possono ragionevolmente prevedersi che influenzino la microflora gastrointestinale.

Reference

Reference:  Voss, S. J., McGuinness, D. H., Weir, W., & Sutton, D. G. (2022). A study comparing the healthy and diseased equine glandular gastric microbiota sampled with sheathed transendoscopic cytology brushes. Journal of Equine Veterinary Science116, 104002. https://doi.org/10.1016/j.jevs.2022.104002

Esplora i contenuti più recenti
16_07_2024_Attenuazione della restrizione di fosforo in gatti con malattia renale cronica e ipercalcemia ionizzata
Attenuazione della restrizione di fosforo in gatti con malattia renale cronica e ipercalcemia ionizzata
09_07_2024_Effetto antiossidante di S-acetil-glutatione fermentativo e silibina in cani con malattie epatiche
Effetto antiossidante di S-acetil-glutatione fermentativo e silibina in cani con malattie epatiche
L'approccio nutrizionale in caso di enteropatia cronica: criteri generali
L'approccio nutrizionale nell'enteropatia cronica: criteri generali
Consulta altri contenuti su e
L'approccio nutrizionale in caso di enteropatia cronica: criteri generali
L'approccio nutrizionale nell'enteropatia cronica: criteri generali
25_06_2024_Probiotici Vs postbiotici contro la disbiosi intestinale nei cani studio in vitro
Probiotici Vs postbiotici contro la disbiosi intestinale nei cani: studio in vitro
11_06_2024_La biogeografia dei batteri del colon nei cani con enteropatia infiammatoria cronica new
La biogeografia dei batteri del colon nei cani con enteropatia infiammatoria cronica
come avviene la diagnosi di disbiosi nel cane e nel gatto
Come avviene la diagnosi di disbiosi nel cane e nel gatto
04_06_2024_Gatti studio valuta effetti di dieta idrolizzata e farmaci per vomito o diarrea cronici
Gatti: studio valuta effetti di dieta idrolizzata e farmaci per vomito o diarrea cronici
28_05_2024_Microbiota intestinale fondamentale per salute e comportamento nei cavalli sportivi
Microbiota intestinale fondamentale per salute e comportamento nei cavalli sportivi
24_05_2024_Cambiamenti associati all'età nei biomarkers della salute intestinale nei cani
Cambiamenti associati all'età nei biomarkers della salute intestinale nei cani
21_05_2024_Biomarker serici e salivari per la diagnosi di ulcera gastrica e coliche intestinali nei cavalli
Biomarker serici e salivari per la diagnosi di ulcera gastrica e coliche intestinali nei cavalli