NUTRIZIONE

Effetti della perdita di peso sul metaboloma del gatto obeso

Il dimagrimento sembra alterare positivamente il profilo dei metaboliti sierici, con una riduzione dei marker infiammatori.

Pubblicato il
, diGiulia Pignataro

La perdita di peso nel gatto obeso comporta una riduzione significativa dei mediatori metabolici dell’infiammazione, dello stress ossidativo, degli xenobiotici e della resistenza all’insulina. È quanto rivela uno studio pubblicato sulla rivista Metabolites coordinato da Kelly Swanson del Department of Animal Sciences and Department of Veterinary Clinical Medicine, presso la University of Illinois, negli USA.

Obesità tra i Pet sempre più diffusa

Negli Stati Uniti si registra un’allarmante incidenza dell’obesità negli animali da compagnia ed è ad oggi considerata il disturbo nutrizionale più comune. Un’indagine condotta dall’Associazione per la prevenzione dell’obesità degli animali domestici (Association for Pet Obesity Prevention) ha infatti riportato che il 58,9% dei gatti statunitensi, ovvero 50,5 milioni, è in sovrappeso (28%) oppure obeso (30,9%).

Come nell’uomo, anche nel gatto l’obesità è associata a comorbilità che hanno effetti dannosi sulla salute.  È una condizione che influisce sulle funzioni dell’intero organismo e suscita una molteplicità di risposte metaboliche. Restano ancora da approfondire le specifiche alterazioni nel metabolismo e le disfunzioni dei diversi organi.

I test metabolomici come biomarker affidabili anche in caso di obesità

Nella pratica veterinaria, i test metabolomici possono essere utilizzati per identificare biomarker di malattia e/o valutare gli effetti dell’intervento nutrizionale, aiutare nella gestione dello stile di vita, della nutrizione e dei farmaci in animali domestici affetti da obesità, diabete mellito di tipo 2 e altre anomalie metaboliche. 

Allo stesso modo, l’industria del pet food può utilizzare strumenti metabolomici e/o panel di metaboliti mirati per sviluppare e valutare gli effetti di diete terapeutiche volte a migliorare il metabolismo, ridurre i segni clinici e aumentare la qualità della vita degli animali domestici.

Il team di ricercatori statunitensi ha quindi effettuato lo studio su otto gatti sovrappeso alimentati per il mantenimento del peso corporeo, durante un periodo di riferimento di quattro settimane. 

Lo studio statunitense

Per le 18 settimane successive al periodo di riferimento, i gatti sono stati alimentati per far perdere peso a un tasso di circa 1,5% di peso corporeo/settimana. I metaboliti sono stati misurati nel siero alle settimane 0, 1, 2, 4, 8, 12 e 16. Sono stati identificati in totale 535 metaboliti, dei quali  fino a 269 erano alterati (valori p- e q < 0,05) ad ogni controllo.

L’analisi dei componenti principali ha mostrato un continuo shift del profilo metabolomico con il progredire della perdita di peso, con cambiamenti precoci distinti da quelli a lungo termine. 

La maggior parte dei metaboliti lipidici e dei carboidrati sono diminuiti con la perdita di peso; nello stesso periodo, tuttavia, i corpi chetonici e acidi grassi a catena corta o media sono aumentati. Mentre i metaboliti delle proteine hanno avuto un risultato variabile: alcuni sono aumentati, altri sono diminuiti con la perdita di peso

Il gruppo di ricerca ha quindi potuto registrare che i mediatori metabolici dell’infiammazione, dello stress ossidativo, degli xenobiotici e della resistenza all’insulina diminuiscono con la perdita di peso.

Prospettive future

Tale ricerca può portare allo sviluppo di panel di metaboliti da impiegare come biomarker per diagnosticare la malattia e a favorire lo stile di vita nutrizionale e farmaceutico dei gatti obesi.

Reference

Reference: Pallotto, M.R.; Oba, P.M.; de Godoy, M.R.C.; Pappan, K.L.; Buff, P.R.; Swanson, K.S. Effects of Weight Loss and Moderate-Protein, High-Fiber Diet Consumption on the Fasted Serum Metabolome of Cats. Metabolites 2021, 11, 324. https://doi.org/10.3390/metabo11050324

Esplora i contenuti più recenti
27_03_2024_Diarrea cronica nuove strategie per l’uso razionale degli antibiotici nei cani
Diarrea cronica: nuove strategie per l’uso razionale degli antibiotici nei cani
05_04_2024_La carnitina migliora il recupero post-esercizio nei cavalli adulti
La carnitina migliora il recupero post-esercizio nei cavalli adulti
03_04_2024_Come varia il microbiota intestinale del gatto nel corso del tempo
Come varia il microbiota intestinale del gatto nel corso del tempo?
Consulta altri contenuti su
20_03_2024_Dieta per cani con enteropatie croniche quanto “pesa” il fattore costi
Dieta per cani con enteropatie croniche: quanto “pesa” il fattore costi?
16_02_2024_Colite acuta nel cane gestione nutrizionale Vs metronidazolo
Colite acuta nel cane: gestione nutrizionale Vs metronidazolo
26_01_2024_Concentrato di proteine del riso come fonte amminoacidica per gatti adulti
Concentrato di proteine del riso come fonte amminoacidica per gatti adulti
09_01_2024_Saccharomyces cerevisiae probiotico per supportare la funzionalità intestinale dei cani 
Saccharomyces cerevisiae: probiotico per supportare la funzionalità intestinale dei cani 
02_01_2024_Proteoma urinario dei gatti alimentati con dieta ad alto contenuto proteico
Proteoma urinario dei gatti alimentati con dieta ad alto contenuto proteico
12_12_2023_Risposta glicemica e insulinica nei cani sani se il carboidrato fa la differenza
Risposta glicemica e insulinica nei cani sani: se il carboidrato fa la differenza
07_12_2023_Strategia nutrizionale promettente per gatti con malattia renale cronica agli esordi
Strategia nutrizionale promettente per gatti con malattia renale cronica agli esordi
23_11_2023_Dieta ricca di fibre con polifenoli nei cani enteropatici
Dieta ricca di fibre con polifenoli nei cani enteropatici