MICROBIOTA INTESTINALE

Alterazioni del microbiota intestinale nei cani obesi

Il microbiota intestinale dei cani obesi è diverso, sia in termini di phyla che di genere, rispetto a quello dei cani normopeso.

Pubblicato il
, diTaschia Bertuccio

L’obesità è un disturbo nutrizionale multifattoriale altamente diffuso nei cani, osservato sia nei Paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo. 

Si stima che oltre il 40% della popolazione canina soffra di obesità, definita come l’eccessivo accumulo di tessuto adiposo dovuto alla troppa assunzione di cibo o al consumo non adeguato di energia. 

Come conseguenza dello stato di obesità, questi cani soffrono di una riduzione della qualità e dell’aspettativa di vita, e di un aumentato rischio di sviluppare malattie come diabete mellito, dislipidemia e malattie cardiovascolari.

Il microbiota intestinale canino

Il microbiota intestinale dei cani sani è dominato da tre phyla: Fusobacterium, Bacteroidetes e Firmicutes; in percentuale minore si trovano Proteobacteria e Actinobacteria

I Fusobacteria sono abbondanti nell’intestino dei cani sani, mentre nell’uomo e in altri animali questo non è stato rilevato. Sebbene, anche nei cani, la composizione del microbiota intestinale sia stabile durante la vita adulta, questa stabilità è osservata solo a breve termine. Fattori, infatti, come dieta, assunzione di farmaci ed età hanno, nei cani, un’importante funzione di modellamento del microbiota intestinale

Vari studi hanno evidenziato che una perdita di omeostasi del microbiota, o disbiosi, è collegata ad alcune patologie come le malattie infiammatorie intestinali e i disordini metabolici.

Quale impatto ha l’obesità sul microbiota?

Il microbiota intestinale ha una azione mediatrice nei cambiamenti dell’accumulo di energia portando, in alcuni casi, a conseguenze fisiopatologiche a breve, medio o lungo termine. Il bilancio energetico negli animali è un delicato equilibrio tra consumo e spesa energetica, e sono ancora pochi gli studi che hanno analizzato l’impatto dell’obesità sull microbiota intestinale del cane e le conseguenti alterazioni di funzione del microbiota.

Un recente studio ha confrontato la composizione e le funzioni previste del microbiota intestinale in cani adulti obesi e normopeso. Venti cani clinicamente sani sono stati classificati, in base al loro punteggio di condizione corporea (BCS), come obesi o normopeso, e la composizione del microbioma di entrambi è stata determinata mediante sequenziamento della regione 16S rRNA a partire dal DNA  estratto dalle feci. 

In entrambi i gruppi di cani, i phyla più abbondanti erano Firmicutes e Bacteroidetes, seguiti da Fusobacteria, Proteobacteria e Actinobacteria. Lo studio ha rivelato tra i due gruppi differenze significative a livello di phylum, in particolare, i cani obesi mostravano un quantità maggiore di Firmicutes e una diminuzione di Bacteroidetes

A livello di genere, i campioni di entrambi i gruppi erano dominati da Blautia, Bacteroides e Peptoclostridium; nei cani obesi, però, si evidenziava un aumento della quantità relativa di Peptoclostridium e una diminuzione dei generi Bacteroides

I ricercatori, inoltre, hanno evidenziato che le composizioni del microbiota di questi animali risultavano correlate con il loro BCS, per cui nei cani obesi si registrava un arricchimento nei pathways relativi alla motilità, alla chemiotassi, all’assemblaggio dei flagelli, alle funzioni di trasporto e ai sistemi a due componenti. Nei cani di peso normale era evidente una dislocazione nelle vie biosintetiche generali (terpenoidi, folati, lipopolisaccaridi) nonché nelle esosaminidasi.

Conclusioni

I dati dello studio evidenziano la chiara presenza di differenze tra il microbioma intestinale di cani obesi e normopeso, ma per utilizzare queste informazioni al fine di modulare il microbiota intestinale e migliorare la salute degli animali servono ulteriori studi.

Comprendere il contributo di taxa specifici del microbiota e delle loro attività metaboliche nell’obesità dei cani potrebbe rappresentare uno strumento importante utile per la gestione dell’obesità e di altre patologie.

Reference

Thomson P, Santibáñez R, Rodríguez-Salas C, Flores-Yañez C, Garrido D. Differences in the composition and predicted functions of the intestinal microbiome of obese and normal weight adult dogs. PeerJ. 2022 Feb 16;10: e12695. doi: 10.7717/peerj.12695.

Esplora i contenuti più recenti
07_05_2024_Studio valuta effetto immunostimolante di un mix probiotico in cani sani
Studio valuta effetto immunostimolante di un mix probiotico in cani sani
30_04_2024_Microbiota, body condition score e consistenza delle feci nei gatti che vivono in rifugio
Microbiota, body condition score e consistenza delle feci nei gatti che vivono in rifugio
23_04_2024_Probiotici nel mondo veterinario stato dell'arte e applicazioni cliniche
Probiotici nel mondo veterinario: stato dell'arte e applicazioni cliniche
Consulta altri contenuti su
30_04_2024_Microbiota, body condition score e consistenza delle feci nei gatti che vivono in rifugio
Microbiota, body condition score e consistenza delle feci nei gatti che vivono in rifugio
23_04_2024_Probiotici nel mondo veterinario stato dell'arte e applicazioni cliniche
Probiotici nel mondo veterinario: stato dell'arte e applicazioni cliniche
17_04_2024_Trapianto di microbiota fecale nei cani
Trapianto di microbiota fecale nei cani
27_03_2024_Diarrea cronica nuove strategie per l’uso razionale degli antibiotici nei cani
Diarrea cronica: nuove strategie per l’uso razionale degli antibiotici nei cani
03_04_2024_Come varia il microbiota intestinale del gatto nel corso del tempo
Come varia il microbiota intestinale del gatto nel corso del tempo?
13_03_2024_Metagenomica degli effetti benefici dei probiotici sulla diarrea canina
Metagenomica degli effetti benefici dei probiotici sulla diarrea canina
27_02_2024_Isolamento di C. difficile in cani con problemi digestivi e antibioticoresistenza
Isolamento di C. difficile in cani con problemi digestivi e antibioticoresistenza
20_02_2024_Il microbiota dei cani in trattamento per shunt porto-sistemico congenito
Il microbiota dei cani in trattamento per shunt porto-sistemico congenito